Un weekend, con poche ferie, a Barcellona è quello che ho fatto a Novembre, in una città in cui non tornavo da più di 10 anni. Con poche ferie e massima resa ho riscoperto la capitale spagnola.

Ovviamente per ottimizzare i tempi, se si ha solo un weekend con poche ferie a Barcellona, serve organizzazione: voli prenotati per tempo per scovare buoni orari a prezzi bassi, hotel in super centro, tour già studiato da casa con poco spazio lasciato agli imprevisti. Imprevisti appunto che hanno anche allunganto il soggiorno!

Trasporti

Ho prenotato i voli con discreto anticipo in modo da risparmiare ed accaparrarmi i migliori orari: partenza il venerdì sera e ritorno il lunedì sera con EasyJet che ahimè ha un servizio clienti pessimo, ma rimane l’unica concorrente di Ryanair (che ormai non ti fa portare più nemmeno una mini valigia in cabina).

Dall’aeroporto al centro vi suggerisco di utilizzare l’Aerobus: in 35 minuti vi porta in centro ed è super comodo se arrivate la sera tardi. Altri mezzi a mio avviso non sono da considerare per un weekend lungo.

Per muoversi in città , in un weekend con poche ferie a Barcellona, vi suggerisco di fare la card HOLA BCN per 48h: il primo giorno potete girare tranquillamente a piedi il centro, ed i successivi utilizzare questa carta (che include anche il bus cittadino per l’aeroporto nel caso). Acquistando la carta online si ha diritto ad un piccolo sconto.

Alloggio

Ovviamente, con così poco tempo, vi suggerisco di dormire in centro: vicino ad una fermata della metropolitana ed all’arrivo/partenza dell’Aerobus in modo da ottimizzare i tempi. Il mio suggerimento è la fermata Liceu o Plaça de Catalunya: il primo giorno potrete girare a piedi il centro, i successivi muovervi comodamente in metropolitana.

Tour

La difficoltà più grande per me è stata organizzare le mie giornate in modo logico ottimizzando gli spostamenti e quindi i tempi: qui sotto in breve il mio tour considerando appunto 3 giorni ed un hotel situato in centro.

Giorno 1, il centro

Abbiamo fatto l’HOLA BCN nel pomeriggio e raggiunto tutto, tranne la Sagrada Familia, girando a piedi. Con questo tour vi ritroverete a pranzare in uno dei localini del Born, girare tra li ed il quartiere Gotico nel pomeriggio e vedere la Sagrada Familia al tramonto.

Rambla, Barrio Gotico, MareMagnum, Barceloneta, Parc de la Ciutadella,El Born, Sagrada Familia

Giorno 2, fuori dal centro

Culmine della giornata sicuramente Casa Battlò: ho preferito scegliere questa piuttosto che Milà da commenti e recensioni trovate online e non me ne sono pentita. La mattina l’abbiamo dedicata al quartiere del Montjuïc (salendo con la funicolare incluse nell’HOLA BCN). Abbiamo visto da fuori anche il padiglione di Mies Van der Rohe e il Camp Nou.

Montjuïc, Padiglione di Barcellona, Casa Battlò, Casa Milà e Example, Casa Vicens, Camp Nou

Giorno 3, ciò che rimane

Vista la vicinanza del nostro hotel, la mattina abbiamo fatto un giro al Raval per poi passare al celebre parco di Barcellona e lasciare le ultime ore del pomeriggio ad un po di shopping tra Gran Via, Passeig de Gràcia e Avinguda del Portal de l’Àngel.

El Raval, Parc Guell, Shopping

Dove mangiare

A Barcellona non mancano di certo i posti in cui mangiare: per la cena vi suggerisco di prenotare perchè i ristoranti sono spesso pieni. Ormai non è necessario chiamare, lo si può fare spesso anche tramite Google o qualche app (The fork vi da anche dei “punti” da riutilizzare nei locali convenzionati…ancora pochi purtroppo!).

Qua sotto alcuni dei posti in cui sono stata o che mi hanno consigliato (fate attenzione perchè la domenica è quasi tutto chiuso..quindi sfruttate al meglio il vostro weekend con poche ferie a Barcellona!).

Pranzo

Tapa Tapa è una catena di tapas abbastanza nota e di conseguenza commerciale: non costa molto, ma ho mangiato discretamente bene. Provate il piatto con uova, bacon e patatine fritte, sembra terribile, ma è buonissimo!

Restaurant Vinitus Madrid  è vicinissimo a Casa Battlò e super consigliato: tutto molto buono e curato. Fanno il polpo alla catalana al momento e davanti ai tuoi occhi.

Merenda/Aperitivo

Champagnería Can Paixano in zona Barceloneta è un’istituzione: super caotica, ma anche low-cost, merita un passaggio il sabato per bere un calice di Cava. La domenica è chiusa.

La Vinateria del Call è un localino molto carino sopratutto in estate visti i tavoli all’aperto in una piazzetta super carina del Barrio Gotico.

Per merenda, se siete in zona Barrio Gotico/El Born, passate da Pastisseria La Colmena, non ve ne pentirete!

Cena

Casa Mari i Rufo non ci sono stata, ma mi è stato consigliato in zona Barrio Gotico perchè tipico.

Arume è un locale molto carino nel Raval: ho mangiato la mia paella qui. I dolci sono molto particolari e curati nella presentazione.

Spero che questo breve post sulla mia visita a Barcellona possa tornarvi utile: nel mentre io penso ad organizzare il prossimo weekend fuori porta magari sfruttando uno dei miei vecchi post “Vai dove ti porta…