Sono da poco tornata dal mio viaggio invernale in Polonia ed eccomi qui a raccontarvi come è andata e darvi qualche suggerimento su questo tour della Polonia in una settimana.

In questo primo post quindi vi racconterò degli aspetti più pratici per organizzare un tour della Polonia in una settimana.

E’ sufficiente una settimana per vedere le cose principali? Quanto mi costerà? Come mi devo muovere? Come è il tempo?

Tour della Polonia in una settimana

– Itinerario

Il mio viaggio in Polonia è iniziato dal nord, dalla più grande città polacca sul mar Baltico, Danzica.

Dopo una giornata piena trascorsa qui, mi sono spostata nella capitale della Polonia: Varsavia. Sia per Danzica che Varsavia, uno, massimo due giorni sono sufficienti per visitare le principali attrazioni.

Dopo queste due città ho proseguito il mio tour della Polonia in una settimana spostandomi a Cracovia: per lei sono necessari almeno 4 giorni.

Due per la città vera e propria, uno per visitare Auschwitz ed uno per le miniere di sale di Wieliczka.

– Costi

Non ero mai stata in Polonia ed ho deciso di visitarla grazie ad un volo super low-cost di Ryanair: con 60€ sono volata su Danzica e tornata da Katowice. Partenza da Orio al Serio e ritorno a Malpensa.

Nota molto negativa per Ryanair: non fa più stare le persone di una stessa prenotazione vicine sul volo, se volete essere vicini sono almeno 10€ in più.

Il costo della vita in Polonia è molto più basso che da noi: una notte in hotel viene all’incirca 40€, un pranzo/cena tipico 15€ in due. Gli spostamenti in treno sui 25€ a testa.

Per una settimana ho speso circa 450€ tra alloggi, trasporti, pranzi e cene fuori.

Ovviamente non ci sono gli euro, ma gli zloty: cambiate/prelevate in una banca, non nelle macchinette sparse ovunque perché applicano un cambio molto sfavorevole.

Non cambiate negli aeroporti se potete. Pagate sempre tutto nella moneta locale, non accettate la conversione del POS. Per fare una conversione veloce zloty/euro dividete sempre per 4.

Tour della Polonia in una settimana

– Trasporti

Come già detto ho fatto i voli di andata e ritorno con Ryanair, ma anche EasyJet e WizzAir offrono un sacco di collegamenti per la Polonia.

Per quanto riguarda i trasporti da una città all’altra vi consiglio il treno: costano poco, sono puliti e puntuali. Potete prenotare i biglietti sul sito di PKP.

Per le tratte brevi potete utilizzare un bus della Polski bus: una sorta di FlixBus polacco che in realtà fa anche lunghissime tratte.

Molto economico e super comodo noi lo abbiamo utilizzato da Cracovia e Katowice.

In Polonia comunque anche i Taxi costano molto poco, ed ancora meno Uber che è molto utilizzato.

Tour della Polonia in una settimana

– Alloggi

In tutte e tre le città vi consiglio di alloggiare in un hotel del centro. Non è conveniente stare in un appartamento visto il costo di ristoranti e latterie.

Prendete un appartamento se per diversi motivi preferite mangiare in casa. Io ho prenotato il tutto come al solito da Booking ed AirBnb.

– Clima

Fa freddo, indubbiamente, ma pensavo molto peggio. I gradi erano gli stessi di Milano, ma percepiti in modo differente, molto di più.

Se vi armate di indumenti leggermente tecnici, un bel cappello e dei guanti seri non avrete problemi. La neve è frequente quindi state attenti a portare delle scarpe adatte.

Se il freddo è troppo potete fermarmi e riscaldarvi con un the caldo a meno di 1€ :-).

Tour della Polonia in una settimana

– Promossi

I prezzi: sono assolutamente fantastici per noi. Prendere ciò che si vuole al ristorante senza badare al costo, scegliere un hotel molto più lussuoso che qua ci costerebbe una cifra spropositata. Fermarsi in un bar e pagare 2€ per un Thè caldo ed una mega fetta di torta.

La storia: la triste storia della seconda guerra mondiale è viva in ogni città e viene ricordata e custodita nel miglior modo possibile. Dai ghetti ebraici a Varsavia e Cracovia, ai musei sulla storia degli Ebrei, ad Auschwitz.

Tour della Polonia in una settimana

– Bocciati

Katowice: mi spiace ma è stata una delle città più brutte che io abbia mai visitato e con le persone più maleducate mai conosciute. Mi è parso che tutti mi guardassero male e facessero il possibile per ostacolarti e non aiutarti. In più la città non offre nulla: una sola via con dei negozi ed una stazione. Noi ci siamo stati una notte causa volo di ritorno da qui, ma se potete evitare e prendete il pulmino per Katowice direttamente da Cracovia.

Gli orari di apertura: in inverno in particolar modo tutto chiude molto presto e nelle festività TUTTO è chiuso. Per questo motivo non siamo riusciti a visitare alcuni musei o monumenti purtroppo. Il giorno di chiusura è spesso il martedì. Vi consiglio di prenotare le visite ad Auschwitz in anticipo, così come quella alla miniera di sale se volete il tour in Italiano.

Ecco alcune note/suggerimenti sul mio tour della Polonia in una settimana: nei prossimi post vi parlerò di tutte le città che ho visitato.