Credo che l’isola di Skye sia uno dei più posti più belli che io abbia mai visitato. Questo post è un post ricordo di paesaggi bellissimi, di guide su cosa vedere sull’isola ce ne sono un sacco.

L’isola di Skye è uno di quei luoghi in cui pare di stare in sospeso, tra realtà ed irrealtà. L’isola di Skye è talmente bella che sembra finta.

Collegata alla terraferma attraverso un ponte, è situata nell’estremo ovest scozzese e fa parte delle isole Ebridi scozzesi, quelle più interne per la precisione.

Io l’ho visitata pochi anni fa durante un tour attraverso tutta alla scoperta di tutta la Scozia di cui qui potete trovare l’itinerario.

Purtroppo ho passato poco tempo su quest’isola, meriterebbe almeno tre giorni pieni. Speriamo di riuscire a tornarci prima o poi :-).

Un post condiviso da Rowan Smith (@rowan_macrae) in data:

La luce

Un post condiviso da 你有 时间 简史 吗 (@ingriddddddy) in data:

Sull’isola di Skye, ancor più che sulle Orcadi, ho notato quanto la luce in Scozia sia fantastica, almeno durante il periodo estivo: a luglio c’era luce dalle 5 del mattino fino oltre le 11 di sera.

Cosa potremmo fare noi con così tanta luce?Gli scozzesi sembrava non la sfruttassero in pieno…come è possibile che avendo le 11 di sera come le 10 del mattino ci si chiuda in casa?

Il tramonto, sull’isola, era qualcosa di magico: mille colori, mille sfumature che si univano al verde dei prati scontrandosi con le scogliere a picco sul mare e riflettendosi su laghi cristallini.

Il cielo è in continuo movimento, cambia repentinamente e velocemente, passando da un colore all’altro, dal blu all’arancione in un battibaleno.

Un post condiviso da monsieur_win (@monsieur_win) in data:

Portree

Un post condiviso da Ann Brinkamp (@annbrinkamp) in data:

Portree è il paesino più grande dell’isola e quello più fotografato: nella via principale, sul porto, si erge una schiera di case coloratissime impossibili da non fotografare.

I gabbiani qui la fanno da padrone e i turisti li inseguono cercando di fotografarli come protagonisti sullo sfondo del porto del paesino e della sua baia.

Lungo la via del porto ci sono un sacco di ristoranti dove mangiare. Poco più su, nella piazzetta del paese, anche un bar, forse l’unico, aperto fino a tardi dove fare amicizia con turisti e non.

Qui ovviamente potete bere anche un sacco di birra 🙂

isola di Skye

La piscina delle fate

Un post condiviso da Shirin (@nirihs) in data:

Questi laghi, nella parte a sud ovest dell’isola, sono chiamati così probabilmente a causa di qualche leggenda, ma sono davvero dei luoghi fatati: sembra che da un momento all’altro un elfo possa uscire cogliendoci alle spalle.

Le piscine, chiamate così per l’acqua trasparente di queste acque, sono caratterizzate da piccoli laghetti e cascate d’acqua. In questa zona dell’isola ci sono anche dei sentieri per il trekking: l’isola è infatti nota per la possibilità di fare delle lunghe camminate immersi in un paesaggio non del tutto indifferente.