Oggi una piccola anticipazione di autunno/inverno con un post “freddo”. Solo per oggi però: i prossimi post saranno caldi post greci :-).

Lo scorso weekend ho fatto una gita giornaliera (fattibilissima dalla soleggiata Lombardia), in Valle d’Aosta. Nella già fredda e malinconica Valle d’Aosta: sarà stata la pioggia, il vento, l’aria fresca, ma sono stata catapultata in autunno inoltrato, in inverno quasi.

Questa valle è bellissima in autunno: cupa e tetra, triste, ma piena di fascino.Con le sue casette con i tetti in pietra, la Dora Baltea di un colore verde-azzurro che ti accompagna lungo la strada verso Aosta.

I terrazzamenti sulle montagne, il cielo grigio e la voglia di fermarsi a bere una cioccolata in qualche baretto lungo la strada. Magari in un bellissimo borgo come Bard.

gita al forte di Bard

Vi svelo quindi il motivo della mia gita al Forte di Bard: Mountain Men, la mostra di Steve McCurry al Forte di Bard.

Fino al 26 Novembre, oltre alla classica ed ormai vista e rivista mostra sugli Avengers, c’è questa nuova mostra al Forte: un’esposizione di una serie di scatti del fotografo americano che ritraggono uomini di montagna.

Ma non proprio montagne innevate come le immaginiamo noi: montagne non montagne, con cammelli che trasportano acqua e viveri, montagne vissute da uomini in guerra, montagne in cui si scia e ci si arrampica come le nostre. Montagne che dipingono chiaramente i volti di chi le vive.

gita al forte di Bard

Sulla scia dell’immagine più famosa di McCurry, gli uomini di montagna vengono fotografati con un altissimo contrasto di colori, con i loro occhi estremamente espressivi che ti lasciano fantasticare sulle loro vite. Uomini che vengono dalle montagne dell’Afghanistan, dell’Etiopia, del Brasile, del Nepal e del Tibet. Ma anche uomini, scalatori, sciatori e corridori valdostani.

La visita alla mostra dura un’oretta, poco di più se come me rimanete a vedere tutte le foto proiettate come diapositive (è assurdo vedere come la qualità sia cambiata in un decennio): il costo è di 9€, forse un pò troppo per una mostra fotografica, ma è una di quelle che mi sono più piaciute negli ultimi anni.

gita al forte di Bard

Dopo la mostra potrete fare un giro al borgo sotto il Forte: perfettamente conservato, tutt’ora vissuto, merita sicuramente una visita.

Se volete aggiungere una pausa alla vostra gita al Forte di Bard, potete fare una merenda (ma anche pranzo).

Appena fuori dal borgo c’è un baretto carinissimo dove bere un thè (costa solo 2€!) con un buon dolce.

gita al forte di Bard

Suggerimento: se vi fermate una notte in Valle, dovete assolutamente andare a cenare qui. Fidatevi. Forse tra quale mese vi motiverò meglio perchè.