Qualche settimana fa ho passato un weekend tra Piemonte e Valle d’Aosta, tra il Castello di Issogne e i paesini di Saint Vincent e Chatillon.

Sulla via del ritorno mi sono imbattuta in una festa abbastanza particolare: la Desnalpa di Settimo Vittone.

Cos’è la Desnalpa?

Desnalpa, Desarpa o Deveteya, in base alle zone in cui è celebrata, è una festa, alla fine della stagione estiva, per celebrare il ritorno delle mandrie nelle stalle.

Dopo la lunga estate caldissima, di quest’anno in particolar modo, le mucche tornano con gli allevatori nei rispettivi paesi. Al caldo del fondo della Valle insomma.

Desnalpa

Quando si celebra la desnalpa?

Non c’è una data uguale per tutti i paesi di Valle D’Aosta, Piemonte o altre regioni: la Desnalpa si celebra di norma a fine Settembre o comunque alla fine della stagione estiva.

A Settimo Vittone, dove sono stata io, si è celebrata addirittura a fine Ottobre: il caldo di quest’anno ha sicuramente fatto posticipare l’evento.

Desnalpa

Perché andare a vedere la Desnalpa?

Perché è la festa di un paese semplice e lontano dalla modernità cittadina. Grandi e piccoli si ritrovano nelle vie del centro per festeggiare interi allevamenti che tornano dagli alpeggi.

Con loro sfilano gli allevatori, le loro mogli ed i loro figli: tutti lontani dalle mode a cui noi siamo abituati, in abiti semplici e con i volti scavati dal lavoro in alta quota.

Desnalpa

Dove e cosa mangiare durante la Desnalpa?

Durante la Desnalpa, la Proloco locale organizza un pranzo abbastanza economico: affettati e formaggi locali, polenta uncia e spezzatino, crostata.

Desnalpa

Se volete andare invece in un vero e proprio ristorante, vi suggerisco La Sosta: i piatti vengono serviti direttamente nelle pentole e sono tutti molto buoni e tipici.

Qui ho mangiato per la prima volta le castagne con il burro: come è possibile averle scoperte solo a 30 anni?

Non perdetevele se siete nella stagione giusta, si possono anche fare semplicemente a casa. Magari una tantum per evitare picchi di colesterolo.

Desnalpa

Come spuntino, Miassa sicuramente: una sorta di piadina fatta con farina di granoturco.

Fatta cuocere in un macchinario particolare e poi condita con formaggi, salumi o anche nutella.

Un post condiviso da borgi74 (@borgi74) in data: