Tra le mie ricerche pre partenza non ho trovato nulla sul come orientarsi in Russia..ed orientarsi in Russia, a Mosca in particolare modo, non è così semplice.

San Pietroburgo è più europea e troverete alcune indicazioni con le rispettive traduzioni in inglese. A Mosca invece il turista non è molto contemplato e cartelli stradali, indicazioni in metropolitana e sui mezzi di trasporto. sono praticamente tutti in cirillico.

Ecco quindi un post su come orientarsi in Russia sui mezzi pubblici, perché così vi muoverete prevalentemente.

La metropolitana

La metropolitana russa, soprattutto quella di Mosca, è molto efficiente: corse ogni minuto (davvero) ed un sacco di stazioni molte delle quali bellissime.

A Mosca ho fatto un abbonamento di tre giorni che prevedeva viaggi illimitati sui mezzi pubblici, ma è stato abbastanza difficile richiederlo: se anche voi volete un abbonamento di 3 giorni, chiedete questo (la carta Troika è inclusa nel prezzo di 415 rubli).

Come orientarsi in Russia

Spesso alle biglietterie non parlano inglese e quando c’è uno sportello dedicato…è chiuso nemmeno farlo apposta!

Ovviamente anche le indicazioni delle direzioni/fermate della metropolitana sono in cirillico: sono segnate in alto nelle arcate della metro, con cartelli bianchi e scritte blu, oppure dentro i tunnel stessi della metro.

Come orientarsi in Russia

Ci sono anche delle indicazioni in inglese, ma solo dentro i vagoni della metropolitana: potrete vederli solo dopo aver deciso che direzione prendere usando solo indicazioni in russo 🙄🙄. Utile no?

Per capire in che direzione andare:

  1. Avete una mappa/applicazione con le traduzioni in inglese delle fermate: benissimo, guardate i capolinea della metro in cui siete, cercate la traduzione in cirillico nei cartelli in metro (è fattibile) e capirete che direzione prendere.

  2. Non possedete una mappa tradotta in inglese: contate il numero di fermate verso la direzione in cui dovete andare da una mappa in cirillico e ricontatele sui cartelli in metro.

Come orientarsi in Russia

Le uscite

Capitolo a parte sono le uscite. Come orientarsi in Russia prendendo l’uscita giusta della metro e delle stazioni?

Non è facile come sembra: le uscite sono indicate con dei cartelli gialli in cirillico.

Accostate in metro se non volete essere travolti dai russi frettolosi, e cercate di capire bene le direzioni: prendere un’uscita piuttosto che un’altra vi permetterà di risparmiare un sacco di tempo.

Spesso ci sono incroci che non sono attraversabili a livello stradale, ma solo dai sottopassi delle metro (come quello della fermata del Cremlino)

I bus

Anche qui state attenti alla direzione, piuttosto con Goggle Maps offline controllate dove il bus è diretto: io non sono stata in grado di capirlo dalle indicazioni e non ho trovato nessuno che parlasse inglese. Morale direzione sbagliata presa.

A San Pietroburgo ho comunque trovato tram e bus alquanto scomodi.

Non vi suggerisco di prenderli per andare fuori città (Palazzo di Caterina oppure di Pietro) visto che ci mettono un sacco di tempo, sono lenti e spesso imbottigliati nel traffico.

A Mosca vi suggerisco di prendere i tram: spesso hanno una corsia dedicata e riescono a sfuggire il traffico. Il biglietto è incluso nell’abbonamento di tre giorni e ci sono anche i tornelli per entrare!

Le stazioni ed i treni

Le stazioni si chiamano come la direzione in cui i treni vanno: stazione Mosca a San Pietroburgo con treni che vanno verso Mosca e viceversa per tutte le altre direzioni.

Non lasciatevi spaventare dagli infiniti tabelloni con gli orari..le indicazioni sono abbastanza comprensibili.

Come orientarsi in Russia

Ogni stazione ha i metal detector, così come quelle della metropolitana e vi verranno controllati i passaporti prima di salire sul treno.

I treni, almeno quelli veloci a lunga percorrenza, sono pulitissimi e super moderni, più dei nostri Frecciarossa: wifi abbastanza funzionante, Welcome kit, sedili larghi e soprattutto silenzio.

Spero di avervi dato qualche suggerimento su come orientarsi in Russia, per tutto il resto…provate a chiedere a qualche russo di buon cuore :-).